Zapatero, gran colpo inflitto a Eta

Tre arresti e 14 nascondigli con 800 chili esplosivo trovati

postato
document.write( strelapsed(‘2009-08-28T17:00:00Z’) );
21 ore
fa da ANSA

Jose’ Luis Zapatero ha detto che l’Eta in Francia ha subito il piu’ grosso colpo degli ultimi anni.Le squadre antiterrorismo francesi hanno arrestato tre membri dell’organizzazione separatista basca e scoperto 14 nascondigli dove c’era esplosivo per circa 800 kg, armi e munizioni che l’Eta aveva nascosto in varie localita’ della Francia meridionale.

ETA; scoperti nuovi covi, 14 in otto giorni

La polizia francese ha scoperto nel sud della Francia tra ieri sera e questa mattina due nuovi nascondigli dell’ETA – sono in tutto 14 negli ultimi otto giorni – di cui uno ricco di armi ed esplosivi e il secondo di documenti falsi.

Il covo sotterraneo dell’organizzazione clandestina che si batte per l’indipendenza dei paesi baschi dalla Spagna, scoperto ieri a Massanguel, nei Pirenei, conteneva 18 chili di esplosivo (polvere di alluminio e pentrite), sette revolver, una pistola, migliaia di proiettili, 76 metri di corda esplosiva e diversi elementi elettronici per costruire ordigni.

Nel nascondiglio scovato oggi a Rivières (Linguadoca-Rossiglione) non sono state rinvenute armi, ma solo carte d’identità false e documentazione.

ATS

http://new.ticinonews.ch/articolo.aspx?id=168420&rubrica=15

Spagna/ Dopo arresti membri Eta, ritrovati nascondigli esplosivi

In due località del sud ovest della Francia

postato
document.write( strelapsed(‘2009-08-20T16:32:00Z’) );
1 giorno
fa da APCOM

Nel sud della Francia, a Camplong, è stato ritrovato un importante arsenale di armi ed esplosivi appartenenti all’Eta, dopo l’arresto, avvenuto ieri, di tre presunti militanti del gruppo separatista basco. Lo si apprende da fonti dell’antiterrorismo spagnolo. Si tratta del secondo importante rinvenimento di esplosivi dopo l’arresto di ieri all’alba dei tre uomini, avvenuto nella stazione sciistica di Corbier Villarembert, in Savoia. Un primo nascondiglio, 100 chilogrammi di esplosivo, era stato scoperto nel pomeriggio di ieri nel comune di Ferrieres, vicino alla frontiera spagnola. Secondo l’agenzia Vasco Press, il nascondiglio scoperto oggi conteneva diverse centinaia di chili di esplosivo, componenti elettroniche ed armi. Il ministro degli Interni spagnolo, Alfredo Perez Rubalcaba, aveva anticipato che l’arresto di questi uomini avrebbe potuto portare ad importanti ritrovamenti di materiale dell’Eta.

FRANCIA: ARRESTATI ALTRI TRE SOSPETTI MEMBRI DELL'ETA

postato
document.write( strelapsed(‘2009-08-20T16:23:00Z’) );
1 giorno
fa da ASCA

Le autorita’ francesi hanno arrestato vicino Montpellier, nel sud del Paese, altri tre sospetti membri dell’Eta. Lo ha fatto sapere una fonte vicina all’inchiesta, all’indomani di un triplice arresto sulle Alpi. Gli arresti sono stati effettuati nel dipartimento dell’Herault, a una trentina di chilometri da Pezenas. Ieri, tre presunti membri del braccio militare dell’organizzazione separatista armata basca erano finiti in manette a Le Corbier Villarembert, localita’ sciistica delle Alpi francesi.

FRANCIA: SCOPERTA BOMBA DAVANTI AGENZIA IMMOBILIARE NEI PAESI BASCHI

postato
document.write( strelapsed(‘2009-08-19T14:48:00Z’) );
4 ore
fa da ASCA

Un ordigno esplosivo artigianale e’ stato scoperto stamani davanti alle vetrine di un’agenzia immobiliare a Bassussary, nei Paesi baschi francesi. Lo ha riferito la polizia, aggiungendo che una squadra di sminatori ha messo in sicurezza il luogo. L’ordigno, di piccole dimensioni e collocato in un bidone dell’immondizia, e’ stato portato via dalla squadra di sminatori della gendarmeria per essere analizzato. Sulle vetrine dell’agenzia era stato scritto con la vernice: ”I Paesi baschi non sono in vendita”. Un’organizzazione clandestina basca, che si presenta sotto questo stesso slogan, aveva rivendicato lo scorso 5 agosto a Bayonne diversi atti di teppismo contro campi da golf della costa basca compiuti a maggio e luglio.

Duro colpo all'Eta, arrestati in Francia tre separatisti baschi

     

L’arresto è avvenuto nella località sciistica di Le Corbier, in Savoia

PARIGI (19 agosto 2009) – La polizia francese ha arrestato nei presso delle Alpi francesi tre fra i più ricercati esponenti dell’Eta, l’organizzazione separatista basca che recentemente ha colpito in Spagna provocando una nuova ondata di paura e di morte. L’arresto è avvenuto nella località sciistica di Le Corbier, in Savoia, ad una cinquantina di chilometri dal confine con l’Italia. Lo rende noto l’edizione online de El Mundo, precisando che gli arrestati sono Aitzol Etxaburu, Alberto Machain Beraza ed Andoni Sarasola.

 

http://www.4minuti.it/showPage.php?template=news&id=11448&masterPage=articolo.htm

Spagna, allarme bomba Eta: evacuata spiaggia della Costa Brava

Foto d’archivio (la spiaggia sgomberata recentemente a Mallorca)

BARCELLONA
La polizia spagnola ha fatto evacuare oggi una spiaggia della Costa Brava a una cinquantina di chilometri da Barcellona, dopo che una telefonata anonima aveva avvertito che una bomba era stata messa in uno zaino lasciato tra i bagnanti. Lo hanno reso noto i media locali.

Una settimana fa tre ordigni di debole potenza avevano causato danni materiali ma nessuna vittima a Palma di Maiorca, nelle Baleari. Le bombe erano state preannunciate da una telefonata dell’organizzazione separatista basca Eta.

Oggi l’agenzia di stampa basca Vasco Press ha riferito che, con una telefonata fatta all’ufficio dell’ente di assistenza stradale Detente y Ayuda (Dya) nel Paese Basco, una persona ha avvertito che sulla spiaggia della stazione balneare di Calella era stata lasciata una bomba.

Nella telefonata non è stato precisato a che ora l’ordigno sarebbe esploso. Calella è solitamente frequentata da spagnoli ma anche da turisti stranieri, in particolare britannici, tedeschi e scandinavi. La spiaggia è stata quindi evacuata.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200908articoli/46436girata.asp