Spagna/ Eta, oggi i 50 anni dell'organizzazione basca – scheda

Il primo omicidio nel giugno ’68

postato
document.write( strelapsed(‘2009-07-31T08:16:00Z’) );
6 ore
fa da APCOM

Di seguito le principali date relative all’organizzazione terroristica basca dell’Eta, creata cinquant’anni fa. 31 luglio 1959: in piena dittatura franchista un gruppo di studenti nazionalisti baschi, ispirandosi ai movimenti rivoluzionari di tipo maoista, crea "Euskadi ta Askatasuna" (Patria basca e Libertà) 7 giugno 1968: primo omicidio, vittima un agente della Guardia Civil 20 dicembre del 1973: in un attentato dinamitardo in pieno centro di Madrid l’Eta uccide il Primo ministro e braccio destro di Franco, l’ammiraglio Luis Carrero Blanco. Una carica esplosiva collocata sotto il fondo stradale viene fatta esplodere al passaggio del veicolo blindato, catapultato nel cortile di un palazzo vicino. 1973: dopo una serie di scissioni, Eta si divide in due organizzazioni principali: la "militar" e la "politico-militar"; dopo la fine della dittatura quest’ultima darà vita al partito Euskadiko Eskerra e abbandonerà la violenza, decisione contestata dalla maggior parte dei suoi membri confluiti in Eta-m. 15 ottobre 1977: dopo la morte di Franco, il 20 novembre del 1975, viene approvata un’amnistia per tutti i detenuti politici 12 settembre 1974: prima strage, 12 i morti in un attentato dinamitardo in un caffè di Madrid. 28 aprile 1978: nasce Herri Batasuna (Hb), considerato braccio politico dell’Eta. 15 ottobre 1979: viene approvato lo statuto di Gernika, che regola l’autonomia delle provincie basche all’interno dello Stato spagnolo. 9 marzo 1980: prime elezioni regionali nei Paesi Baschi, vibte dal conservatore Partito Nazionalista Basco (Pnv); è anche l’anno più sanguinoso con 91 vittime del terrorismo, la metà delle quali civili. Dicembre 1983: il Ministero degli Interni spagnolo organizza i Gal, un gruppo clandestino paramilitare al quale vengono attribuiti nei quattro anni successivi 23 omicidi, tra cui quelli di 17 membri dell’Eta. 19 giugno 1987: attentato dinamitardo nel parcheggio del supermercato Hipercor di Barcellona: 21 le vittime, è il più sanguinoso della storia dell’organizzazione. Gennaio 1989: l’Eta dichiara ana tregua unilaterale in vista di negoziati di pace con il governo ad Algeri, poi falliti. 12 luglio 1997: sequestro e omicidio dell’assessore del Pp basco Miguel Angel Blanco; manifestazioni antiterroriste in tutto il Paese. Settembre 1998: nuova tregua unilaterale, cessata dopo 14 mesi in seguito al fallimento delle trattative con il governo. 29 giugno 2002: entra in vigore la "legge sui partiti", che mette al bando Batasuna;la Corte Costituzionale ne confermerà la validità l’anno successivo. Nel 2004 sono circa 130 i presunti membri dell’organizzazione arrestati in varie operazioni congiunte con la polizia francese. 22 marzo 2006: l’Eta annuncia un cessate il fuoco permanente; il successivo 28 giugno il governo apre formalmente un negoziato di pace. 30 dicembre 2006: l’Eta viola la tregua con un attentato dinamitardo all’aeroporto madrileno di Barajas, costato la vita a due persone, e nel giugno del 2007 revoca ufficialmente il cessate il fuoco. 17 novembre 2008: arrestato in Francia uno dei responsabili dell’organizzazione, Garikoitz Aspiazu Rubina, "Txeroki"; poco tempo dopo vengono catturati i suoi successori, Aitzol Yarza e Jurdan Martitegi. 29 luglio 2009: attentato contro una "casa cuartel" della Guardia Civil a Burgos, 65 feriti; il giorno successivo, vigilia del cinquantenario dell’organizzazione, uccisi due agenti della Guardia Civil a Palmanova, sull’isola di Maiorca, a pochi chilometri dalla residenza estiva dei reali di Spagna.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...