FRANCIA/ ACCADEMIA: NO A MENZIONE LINGUE REGIONALI IN COSTITUZIONE

E’ "attentato contro identità nazionale"

postato
document.write( strelapsed(‘2008-06-16T21:01:00Z’) );
18 ore
fa da APCOM

Roma, 16 giu. (Apcom) – L’Academie Française – fondata dal cardinale Richelieu per "vegliare sulla lingua francese" – si ribella contro il progetto di riforma costituzionale che menziona nell’articolo uno le lingue regionali, relegando quella nazionale al secondo.

Niente meno che "un attentato contro l’identità nazionale", secondo l’Accademia, nonostante l’emendamento che riconosce le lingue regionali come appartenenti al patrimonio culturale francese sia stato approvato all’unanimità in fase di dibattito parlamentare.

La prestigiosa istituzione, pur dicendosi d’accordo con gli obbiettivi di tutela culturale espressi dall’emendamento, chiede che il testo venga ritirato perché "non ha posto nella Costituzione".

Come ricorda il quotidiano spagnolo El Pais sono ben 75 le lingue regionali ancora parlate in Francia: fra le altre basco, catalano, occitano, bretone, corso, bearnese, piccardo e vallone.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...